USS Washington (BB-56)

Article

June 26, 2022

La USS Washington (BB-56) era il secondo e ultimo membro della classe di corazzate veloci della Carolina del Nord, la prima nave del tipo costruita per la Marina degli Stati Uniti. Costruito secondo il sistema del Trattato di Washington, il progetto della Carolina del Nord era limitato in termini di dislocamento e armamento, sebbene gli Stati Uniti abbiano utilizzato una clausola nel Secondo Trattato navale di Londra per aumentare la batteria principale dall'armamento originale di nove cannoni da 14 pollici (356 mm) a nove Cannoni da 16 pollici (406 mm). La nave fu fissata nel 1938 e completata nel maggio 1941, mentre gli Stati Uniti erano ancora neutrali durante la seconda guerra mondiale. La sua carriera iniziale fu trascorsa ad allenarsi lungo la costa orientale degli Stati Uniti fino a quando il 7 dicembre 1941 il Giappone attaccò Pearl Harbor, portando gli Stati Uniti in guerra. Washington fu inizialmente schierata in Gran Bretagna per rafforzare la Home Fleet, che aveva il compito di proteggere i convogli che trasportavano rifornimenti all'Unione Sovietica. Non vide alcuna azione durante questo periodo, poiché la flotta tedesca rimase in porto e Washington fu richiamata negli Stati Uniti nel luglio 1942 per essere riparata e trasferita nel Pacifico. Immediatamente inviata nel Pacifico meridionale per rinforzare le unità alleate che combattevano la campagna di Guadalcanal, la nave divenne l'ammiraglia del contrammiraglio Willis Lee. Ha assistito all'azione nella battaglia navale di Guadalcanal nella notte tra il 14 e il 15 novembre in compagnia della corazzata USS South Dakota e di quattro cacciatorpediniere. Dopo che il South Dakota attirò inavvertitamente un pesante fuoco giapponese navigando troppo vicino allo squadrone dell'ammiraglio Nobutake Kondō, Washington approfittò della preoccupazione giapponese per il South Dakota per infliggere danni mortali alla corazzata giapponese Kirishima e al cacciatorpediniere Ayanami, evitando al contempo di danneggiarsi. L'attacco di Washington interruppe il bombardamento pianificato di Kondō delle posizioni dei marine statunitensi a Guadalcanal e costrinse le restanti navi giapponesi a ritirarsi. Dal 1943 in poi, si occupò principalmente di schermare la task force del trasporto veloce, sebbene occasionalmente bombardasse anche posizioni giapponesi a sostegno dei vari assalti anfibi. Durante questo periodo, Washington partecipò alla campagna delle Isole Gilbert e Marshall alla fine del 1943 e all'inizio del 1944, alla campagna delle Isole Marianne e Palau a metà del 1944 e alla campagna delle Filippine alla fine del 1944 e all'inizio del 1945. Seguirono le operazioni per catturare Iwo Jima e Okinawa nel 1945, e durante le fasi successive della battaglia di Okinawa, Washington fu distaccata per subire una revisione, anche se quando fu completata, il Giappone si era arreso, ponendo fine alla guerra. Washington si è poi trasferita sulla costa orientale degli Stati Uniti, dove è stata riadattata per servire come trasporto di truppe nell'ambito dell'operazione Magic Carpet, portando un gruppo di oltre 1.600 soldati a casa dalla Gran Bretagna. Successivamente fu dismessa nel 1947 e assegnata alla flotta della riserva atlantica, dove rimase fino al 1960 quando fu cancellata dal registro navale e venduta per rottamazione l'anno successivo.

Disegno

La classe North Carolina è stata il primo nuovo progetto di corazzata costruito secondo il sistema del Trattato navale di Washington; il suo progetto era vincolato dai termini del Secondo Trattato navale di Londra del 1936, che aggiungeva una restrizione alla sua batteria principale di cannoni non più grande di 14 pollici (356 mm). Il consiglio generale ha valutato una serie di progetti che vanno dalle tradizionali corazzate da 23 nodi (43 km / h; 26 mph) simili alla serie "standard" o alle corazzate veloci, e alla fine è stata selezionata una corazzata veloce armata con dodici cannoni da 14 pollici. Dopo che le navi furono autorizzate, tuttavia, gli Stati Uniti invocarono la clausola della scala mobile nel trattato che consentiva un aumento a 16 cannoni (406 mm) nel caso in cui una nazione membro si rifiutasse di firmare il trattato, cosa che il Giappone si rifiutò di fare. Washington era lungo complessivamente 728 piedi 9 pollici (222,1 m) e aveva un raggio di 108 piedi 4 pollici (33 m) e un pescaggio di 32 piedi 11,5 pollici (10 m). Il suo dislocamento standard ammontava a 35.000 tonnellate lunghe (36.000 t) ed è aumentato a 44.800 tonnellate lunghe (45.500 t) a pieno carico di combattimento. La nave era alimentata da quattro General Electric st