Lina Medina

Article

May 29, 2022

Lina Marcela Medina de Jurado (pronuncia spagnola: [ˈlina meˈðina]; nata il 23 settembre 1933) è una donna peruviana che è diventata la madre confermata più giovane della storia quando ha partorito all'età di cinque anni, sette mesi e 21 giorni. Sulla base delle valutazioni mediche della sua gravidanza, aveva meno di cinque anni quando rimase incinta, cosa possibile a causa della pubertà precoce.

Vita in anticipo e sviluppo

Lina Medina è nata nel 1933 a Ticrapo, nella provincia di Castrovirreyna, Perù, dai genitori Tiburelo Medina, argentiere, e Victoria Losea. Era una dei nove figli. I suoi genitori l'hanno portata in un ospedale di Pisco all'età di cinque anni a causa dell'aumento delle dimensioni dell'addome. I medici inizialmente pensavano che avesse un tumore, ma poi hanno stabilito che era al suo settimo mese di gravidanza. Il dottor Gerardo Lozada ha fatto confermare la gravidanza da specialisti a Lima. C'era un interesse diffuso per il caso. Il quotidiano San Antonio Light in Texas riferì nell'edizione del 16 luglio 1939 che un'associazione peruviana di ostetriche e ostetriche aveva chiesto che fosse ricoverata in un ospedale nazionale di maternità e citava rapporti nel quotidiano peruviano La Crónica secondo cui uno studio cinematografico americano aveva inviato un rappresentante "con autorità di offrire la somma di $ 5.000 a beneficio del minore" in cambio dei diritti di ripresa, ma "sappiamo che l'offerta è stata respinta". L'articolo rilevava che Lozada aveva girato film di Medina per la documentazione scientifica e li aveva mostrati mentre si rivolgeva all'Accademia nazionale di medicina del Perù. Alcuni dei film erano caduti in un fiume durante una visita alla città natale della ragazza, ma ne è rimasto abbastanza per "incuriosire i dotti sapienti". Sei settimane dopo la diagnosi Medina diede alla luce un bambino con taglio cesareo. Aveva 5 anni, 7 mesi e 21 giorni, la persona più giovane nella storia a partorire. Il parto cesareo è stato reso necessario dal suo piccolo bacino. L'intervento chirurgico è stato eseguito da Lozada e dal dottor Busalleu, con il dottor Colareta che ha fornito l'anestesia. I medici hanno scoperto che aveva organi sessuali completamente maturi dalla pubertà precoce. Il dottor Edmundo Escomel ha riportato il suo caso sulla rivista medica La Presse Médicale, incluso il fatto che il suo menarca si era verificato all'età di otto mesi, in contrasto con i precedenti rapporti secondo cui aveva avuto periodi regolari dall'età di tre o due anni e mezzo. Medina's il figlio pesava 2,7 kg (6,0 libbre; 0,43 st) alla nascita e si chiamava Gerardo in onore del suo medico. È cresciuto credendo che Medina fosse sua sorella prima di scoprire all'età di 10 anni che era sua madre.

Identità del padre

Medina non ha mai rivelato l'identità del padre né le circostanze della sua gravidanza. Escomel suggerisce che potrebbe non conoscere se stessa, poiché "non poteva dare risposte precise". Il padre di Lina è stato arrestato con l'accusa di abusi sessuali su minori, ma rilasciato per mancanza di prove. Suo figlio è cresciuto sano. Morì nel 1979 all'età di 40 anni per una malattia del midollo osseo.

Vita successiva

In giovane età, Medina ha lavorato come segretaria nella clinica Lima di Lozada, che le ha dato un'istruzione e l'ha aiutata a mandare suo figlio al liceo. Si è sposata e ha avuto un secondo figlio nel 1972. Nel 2002 ha rifiutato un'intervista con Reuters, proprio come aveva respinto molti giornalisti negli anni passati.

Documentazione

Sebbene sia stato ipotizzato che il caso fosse una bufala, numerosi medici nel corso degli anni lo hanno verificato sulla base di biopsie, raggi X dello scheletro fetale in utero e fotografie scattate dai medici che si prendono cura di lei. Ci sono due fotografie pubblicate che documentano il caso. Il primo è stato preso intorno all'inizio di aprile 1939, quando Medina aveva sette mesi e mezzo di gravidanza. Preso dal suo fianco sinistro, la mostra in piedi nuda davanti a uno sfondo neutro. È l'unica fotografia pubblicata scattata durante la sua gravidanza. Nel 1955, a parte gli effetti della pubertà precoce, non si spiegava come una bambina di meno di cinque anni potesse concepire un bambino. Il suo è un caso raro e ben documentato di gravidanza estremamente precoce in un bambino di età inferiore ai sei anni.

Vedi anche