Luglio 2022 Inondazioni negli Stati Uniti

Article

August 8, 2022

A partire dal 24 luglio 2022 e nell'arco di una settimana, diverse aree degli Stati Uniti sono state colpite da numerosi eventi di inondazioni improvvise. Queste aree includevano parti del Missouri e dell'Illinois, in particolare Greater St. Louis, Eastern Kentucky, Southwest Virginia, parti del West Virginia e Las Vegas Valley. Diversi periodi di forti temporali sono iniziati nel Missouri il 24 luglio, culminati durante il 25 e 26 luglio, quando St. Louis ha battuto il precedente record del 1915 per la maggior parte delle precipitazioni in un arco di 24 ore. Il 26 luglio il governatore Mike Parson ha dichiarato lo stato di emergenza. Oltre cento persone sono state salvate dalle inondazioni e due persone sono rimaste uccise. Tra la fine del 27 luglio e il 28 luglio, sono iniziate inondazioni storiche negli Appalachi centrali, in particolare nel Kentucky, dove è stato dichiarato lo stato di emergenza. Un totale di 37 persone sono state uccise in Kentucky. Gli esperti hanno descritto le inondazioni estreme come rese più probabili dal riscaldamento globale. Alla fine del 28 luglio, un altro evento di inondazioni improvvise senza precedenti si è verificato a Las Vegas dopo che alcune parti della città hanno visto precipitazioni di oltre un pollice. Gran parte della Strip di Las Vegas è stata inondata, con strade, casinò e parcheggi interessati e voli ritardati o cancellati. Altre inondazioni sono continuate dal 30 luglio al 1 agosto in Arizona, comprese Phoenix e Flagstaff, in California, incluso il Death Valley National Park, e di nuovo nelle stesse aree del Kentucky orientale. Almeno 39 persone in totale sono state uccise durante gli eventi alluvionali: 37 nel Kentucky il 28 luglio e 2 nel Missouri il 26 luglio.

Sinossi meteorologica

La mattina del 26 luglio, il Weather Prediction Center (WPC) ha emesso una prospettiva di rischio moderato per precipitazioni eccessive su porzioni del Missouri orientale e dell'Illinois meridionale e dell'Indiana associati a una fascia prevista di temporali di addestramento sulla regione. Entro la fine del 26 luglio, St. Peters, Missouri, ha registrato un totale di 12,8 pollici (330 mm) di pioggia, mentre altre aree della contea di St. Charles hanno ricevuto oltre 11 pollici (280 mm). Altre parti di Greater St. Louis hanno totalizzato fino a 250 mm di pioggia. Inoltre, più di 6 pollici (150 mm) di pioggia sono caduti nella città del Messico nel Missouri centrale, con precipitazioni totali simili riportate nell'Illinois meridionale. Anche parti del Kentucky e del West Virginia sono state colpite dalle inondazioni il 26 luglio, comprese le contee di Johnson, Magoffin e Floyd nel Kentucky e le contee di Mingo e McDowell nel West Virginia. Durante le prime ore del 27 luglio iniziarono a formarsi temporali di formazione sul Kentucky orientale , producendo piogge abbondanti periodicamente durante il giorno. Jackson, nel Kentucky, ha avuto il suo secondo giorno più piovoso mai registrato (dal 1981), con 4,11 pollici (104 mm) di pioggia. Durante la tarda serata e le ore notturne, una fascia più consistente di forti piogge e temporali si è spostata da ovest a est lungo un confine frontale in stallo, provocando successive inondazioni estreme nelle contee di Perry, Knott, Breathitt, Letcher, Leslie, Clay, Owsley, Wolfe, Harlan, Johnson, Magoffin, Floyd e Pike. Inondazioni sono state segnalate anche nel sud-ovest della Virginia, nelle aree delle contee di Wise e Dickenson, e nella città indipendente di Norton, che si trovano lungo il confine con il Kentucky. La mattina del 28 luglio, il WPC ha emesso una prospettiva di rischio moderato per precipitazioni eccessive su porzioni del Kentucky centrale e orientale e della Virginia occidentale. Le precipitazioni hanno iniziato a spostarsi verso il West Virginia e il Kentucky centrale il giorno successivo e hanno iniziato a comprendere quasi tutto il West Virginia il 29 luglio. La mattina del 29 luglio, il WPC ha emesso una prospettiva di rischio moderato per precipitazioni eccessive, ma l'ha spostata in Kentucky orientale e quasi tutto il West Virginia. La mattina del 31 luglio, il WPC ha emesso una terza prospettiva di rischio moderato per precipitazioni eccessive su porzioni del Kentucky orientale, con altre inondazioni che si sono verificate quella notte nelle stesse aree di quattro giorni prima. Altrove il 30 e 31 luglio, Phoenix e Flagstaff, Arizona, insieme alle aree rurali dell'Arizona e della California sudorientale hanno subito inondazioni