Ignacy Korwin-Milewski

Article

May 29, 2022

Ignacy Karol Korwin-Milewski (lituano: Ignotas Karolis Korvin–Milevskis; 27 aprile 1846-16 ottobre 1926) è stato un collezionista d'arte, scrittore politico e viaggiatore polacco-lituano.

Biografia

Korwin-Milewski nacque in una nobile famiglia di proprietari terrieri. I suoi genitori erano Oskar Korwin-Milewski e Weronika nata Wołk-Łaniewska. Suo fratello maggiore era Hipolit Korwin-Milewski. Nel 1856-1863 visse a Parigi dove studiò al Liceo Bonaparte. Ha continuato i suoi studi di diritto presso l'Università di Dorpat nel 1865-1868. Lì appartenne alla corporazione studentesca "Polonia", ma mantenne contatti principalmente con la nobiltà tedesca baltica. Nel 1870–1875 studiò pittura a Monaco, dove si trovò nella cerchia degli artisti polacchi. Lui stesso non era un pittore di talento, anche se partecipò al Salon di Parigi nel 1874, dove espose un ritratto di Maria Kwilecka nata Mańkowska. Abbandonò presto la pittura. Nell'inverno del 1875 si recò a Roma, dove fu nominato Cavaliere di Malta e ricevette dalla cancelleria pontificia il titolo di Conte per sé, suo padre e suo fratello. Suo fratello e suo padre, però, non accettarono il titolo, firmandosi spesso come "non un conte". Ha anche aumentato il suo stemma Ślepowron e ha chiamato il nuovo stemma "Milano". Nel 1877 rilevò la grande tenuta di sua madre, che gli diede l'indipendenza finanziaria e gli permise di vivere la vita di collezionista d'arte e filantropo. A Vilnius si costruì una residenza in St. George Street (l'attuale Gediminas Avenue). Era amico dell'arciduca Carlo Stefano d'Austria, dal quale acquistò lo yacht a vapore "Christa" e, dopo averlo ribattezzato "Litwa", fece viaggi a lunga distanza per 20 anni, che descrisse in pubblicazioni semi-anonime. Nel 1900, insieme all'arciduca, viaggiò da Kiel a San Sebastian e Almeria per visitare la regina di Spagna Maria Cristina. Nel 1905 acquistò dall'arciduca l'isola extraterritoriale di Santa Caterina vicino all'Istria, dove intendeva fondare un lussuoso centro termale e sanatorio. Lo scoppio della guerra gli impedì di realizzare queste intenzioni. Nel 1922 subì un ictus che lo rese in gran parte inabile. Trascorse il resto della sua vita sulla sua isola. Morì il 16 ottobre 1926 a Pula e fu sepolto nel cimitero di Rovigno d'Istria.

Vita familiare e personale

Suo fratello Hipolit Korwin-Milewski era attivo nella politica e nel patrocinio delle arti. Entrambi i fratelli non si piacevano e nel periodo successivo erano persino ostili l'uno all'altro. Dopo il 1905 sposò Janina Zofia Ostroróg Sadowska, vedova di Władysław Umiastowski, mecenate della scienza e fondatrice della Fondazione romana JZ Umiastowska nel 1944. Il loro matrimonio era senza figli, i coniugi vivevano separati. Dopo un ictus, Korwin-Milewski insultò pubblicamente sua moglie, che iniziò a perseguitarlo in tribunale.

Collezione d'arte e mecenatismo

Korwin-Milewski ha collezionato arte per tutta la vita. Soprattutto nel 1880–1895 quando raccolse oltre 200 opere. Secondo Milewski, le caratteristiche nazionali polacche sono emerse in determinati periodi storici, ed è ciò che è accaduto in relazione alla pittura polacca della fine del XIX secolo. Allo stesso tempo considerava disastrosa l'influenza francese, quindi definì l'ambito del suo collezionismo come segue: "volendo avere una collezione più o meno completa e costituente un insieme originale (...) acquisisco dipinti del collega -artisti connazionali, attualmente viventi, e tra loro solo quelli che appartengono o appartenevano alla scuola di Monaco". In seguito ha allentato questi criteri e ha collezionato dipinti anche al di fuori della scuola di Monaco. Lo storico dell'arte Andrzej Ryszkiewicz ha descritto la sua collezione come "una delle collezioni di dipinti polacchi più raccolte consapevolmente, più preziose e più belle". La sua collezione comprendeva dipinti di: Korwin-Milewski ha commissionato una serie di circa 20 autoritratti a vari artisti polacchi, che erano al