Forte Stanwix

Article

August 17, 2022

Fort Stanwix era una fortezza coloniale la cui costruzione iniziò il 26 agosto 1758, sotto la direzione del generale britannico John Stanwix, nel luogo dell'odierna Roma, New York, ma non fu completata fino al 1762 circa. Il forte del bastione fu costruito per custodisci un porto noto come Oneida Carry durante la guerra franco-indiana. Il monumento nazionale di Fort Stanwix, una struttura ricostruita costruita dal National Park Service, occupa ora il sito. Fort Stanwix è storicamente significativo a causa della sua difesa di successo da parte delle truppe americane durante un assedio dell'agosto 1777. Il forte era stato costruito dagli inglesi nel 1758 in un sito strategico lungo la via dell'acqua dal lago Ontario al fiume Hudson. Dopo che le forze americane catturarono e ricostruirono il forte durante la guerra d'indipendenza americana, furono assediate da un esercito britannico che invase dal Canada attraverso il lago Ontario, sperando di raggiungere il fiume Hudson. Le forze britanniche abbandonarono l'assedio, una conseguenza che contribuì a portare alla sconfitta di un esercito britannico più grande durante la campagna di Saratoga. Fort Stanwix fu anche il luogo del Trattato di Fort Stanwix del 1768 tra la Gran Bretagna e le tribù dei nativi americani, nonché del Trattato di Fort Stanwix del 1784 tra le tribù e il governo americano. Oltre alla ricostruzione del forte stesso, il monumento nazionale comprende tre brevi sentieri che lo circondano, uno dei quali segue una porzione dell'Oneida Carry. Il Marinus Willett Collections Management and Education Center conserva i 485.000 manufatti e documenti del monumento, espone mostre su Fort Stanwix e la Mohawk Valley e funge da centro turistico regionale.

Storia

Fort Stanwix fu costruito nel 1758 per proteggere un porto tra la via d'acqua principale verso sud-est fino alla costa atlantica, lungo i fiumi Mohawk e Hudson, e un'importante via navigabile interna verso nord-ovest fino al lago Ontario, lungo Wood Creek e il lago Oneida fino a Oswego.

Trattato di Fort Stanwix (1768)

Nel 1768, Fort Stanwix fu sede di un'importante conferenza sui trattati tra gli inglesi e gli Irochesi, organizzata da William Johnson. Al momento di questo trattato, il forte era diventato fatiscente e inattivo. Lo scopo della conferenza era rinegoziare la linea di confine tra le terre dei nativi americani e gli insediamenti bianchi stabilita nella Proclamazione del 1763. Il governo britannico sperava che una nuova linea di confine potesse porre fine alla dilagante violenza di frontiera, che era diventata costosa e problematica . I nativi americani speravano che una nuova linea permanente potesse frenare l'espansione coloniale bianca. Il trattato finale è stato firmato il 5 novembre e ha esteso la precedente proclamazione molto più a ovest. Gli Irochesi avevano effettivamente ceduto il Kentucky ai bianchi. Tuttavia, le tribù che effettivamente utilizzavano le terre del Kentucky, principalmente Shawnee, Delaware e Cherokee, non avevano alcun ruolo nei negoziati. Piuttosto che garantire la pace, il trattato di Fort Stanwix ha contribuito a preparare il terreno per il prossimo round di ostilità. Fort Stanwix fu abbandonato nel 1768 e lasciato andare in rovina.

Fort Schuyler e la battaglia di Oriskany

Il forte fu rioccupato dalle truppe coloniali sotto il comando del colonnello Elias Dayton il 12 luglio 1776. Iniziarono la ricostruzione e lo ribattezzarono Fort Schuyler, anche se molti continuarono a chiamarlo Fort Stanwix. Il 3 maggio 1777 il colonnello Peter Gansevoort assunse il comando del forte. Il 3 agosto 1777, il forte fu assediato dall'8° reggimento di fanteria, lealisti e nativi americani del re, al comando del generale di brigata Barry St. Leger, come parte di una triplice campagna per dividere le colonie americane. Gansevoort rifiutò i termini di resa offerti dagli inglesi e iniziò l'assedio. Secondo il folklore locale, quando le truppe coloniali alzarono la bandiera sul forte il 3 agosto 1777, fu la prima volta che la bandiera degli Stati Uniti veniva sventolata in battaglia. È più probabile che la bandiera sventolata a Fort Schuyler fosse una che consisteva solo di tredici strisce, una prima versione della bandiera di New York, o