Morte agli arabi

Article

May 25, 2022

Morte agli arabi (in ebraico: מוות לערבים Mavet La-Aravim) è uno slogan anti-arabo usato da alcuni israeliani ed è considerato uno slogan odioso, genocida e razzista. Viene utilizzato in molteplici contesti, come il calcio, i graffiti, le marce a Gerusalemme e in reazione all'uccisione di israeliani come appello alla vendetta.

Storia

Nel 1980, è stato riferito che "morte agli arabi" era stato scritto su uno degli ingressi dell'Università di Haifa, insieme a svastiche. Allo stesso tempo, il movimento YESH chiedeva l'espulsione degli studenti arabi. I seguaci di Meir Kahane hanno tenuto manifestazioni a Gerusalemme durante le quali è stata gridata "morte agli arabi". Nel 1989, il partito Kach di Kahane è stato bandito a causa della sua difesa del razzismo. I membri di Lehava gridano "morte agli arabi" durante le manifestazioni. Durante le rivolte dell'ottobre 2000, gli ebrei israeliani hanno attaccato violentemente gli arabi, gridando "morte agli arabi"; due arabi furono uccisi. Nel 2009, è stato riferito che i membri del partito Yisrael Beitenu si erano radunati sulle strade della Galilea durante la conferenza del partito e gridavano "morte agli arabi" alle auto di passaggio. Il 16 agosto 2012, un palestinese di diciassette anni, Jamal Julani, è stato quasi picchiato a morte in piazza Zion da adolescenti ebrei che gridavano "morte agli arabi". Dopo l'uccisione di Fadi Alloun nel 2015 a Gerusalemme, i coloni hanno gridato "morte agli arabi" davanti al suo corpo. Quando Elor Azaria è stato processato per l'uccisione extragiudiziale di un palestinese disarmato che giaceva ferito a terra dopo essere stato colpito da colpi di arma da fuoco e disarmato in seguito al tentativo di accoltellamento di un soldato israeliano in precedenza, le persone alle manifestazioni di massa hanno cantato "morte agli arabi". Un sondaggio ha rilevato che il 65 per cento degli ebrei israeliani ha approvato l'uccisione. Dalla fine degli anni '90, "morte agli arabi" è stato uno slogan comunemente ascoltato negli stadi di calcio israeliani. Il Beitar Jerusalem, una squadra di calcio nota per i tifosi anti-arabi, fa regolarmente gridare ai tifosi "morte agli arabi". Dopo la normalizzazione delle relazioni tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti nel 2020, lo sceicco Hamad bin Khalifa Al Nahyan, un uomo d'affari degli Emirati, ha annunciato l'intenzione di acquistare una quota del 50% del club. Il co-proprietario Moshe Hogeg ha affermato che il nuovo accordo è stato un tentativo di riformulare l'immagine del club. Tuttavia, l'accordo non è andato avanti ed è fallito nel 2022 in seguito alle accuse di cattiva condotta finanziaria e all'accusa di Hogeg di crimini sessuali. "Morte agli arabi" è comunemente usato nei graffiti ed è stato osservato dopo attacchi da cartellino del prezzo. È usato dalla folla in reazione all'uccisione di israeliani, in cerca di vendetta. I palestinesi hanno una frase speculare, Itbah al-Yehud [macella l'ebreo]. Le marce nazionaliste del Jerusalem Day commemorano l'occupazione di Gerusalemme est nel 1967. Lo slogan "morte agli arabi" si sente durante queste marce, come le marce che si sono svolte nel 2015 e nel 2021.

Reazioni

Il sociologo israeliano Amir Ben-Porat spiega l'uso della "morte agli arabi" nel contesto sia dei cambiamenti nel conflitto israelo-palestinese sia nella convinzione di molti israeliani che i cittadini arabi di Israele dovrebbero lasciare il paese. Afferma che lo slogan "ha origine e trae sostegno da alcune componenti della cultura politica in corso in Israele". Il proliferare dell'uso dello slogan ha coinciso con gli appelli della destra politica a espellere i cittadini arabi da Israele. Secondo lo scrittore di Haaretz Or Kashti, l'uso crescente dello slogan da parte dei giovani indica il successo più che il fallimento del sistema educativo israeliano. Secondo Ian S. Lustick, la frase e altre simili "imitano gli slogan nazisti e il comportamento tedesco nelle menti in sintonia con l'Olocausia". La studiosa di diritto Nadera Shalhoub-Kevorkian afferma che messaggi come "morte agli arabi" fanno "parte del colonialismo dei coloni". paesaggio estetico" degli spazi palestinesi, e che "convergono per produrre un'atmosfera estetica violenta per i colonizzati e legittimi crimini contro di loro". Anat Rimon-Or ha affermato che lo slogan, associato alla classe operaia Mizrahi, provoca più sconvolgimento nella società ebraica israeliana liberale di quanto infligga morti arabi