Ayman Al-Zawahiri

Article

August 13, 2022

Ayman Mohammed Rabie al-Zawahiri (19 giugno 1951-31 luglio 2022) è stato un terrorista e medico di origine egiziana che ha servito come secondo emiro di al-Qaeda dal 16 giugno 2011 fino alla sua morte. Al-Zawahiri si è laureato all'Università del Cairo con una laurea in medicina e un master in chirurgia ed è stato chirurgo di professione. Divenne una figura di spicco nella Jihad islamica egiziana, un'organizzazione islamista egiziana, e alla fine raggiunse il grado di emiro. Fu imprigionato dal 1981 al 1984 per il suo ruolo nell'assassinio del presidente egiziano Anwar Sadat. Le sue azioni contro il governo egiziano, inclusa la pianificazione dell'attacco del 1995 all'ambasciata egiziana in Pakistan, lo hanno portato alla condanna a morte in contumacia durante il processo "Rimpatriati dall'Albania" del 1999. Stretto collaboratore del leader di al-Qaeda Osama bin Laden, al-Zawahiri ha avuto un'influenza significativa sulle operazioni del gruppo. Al-Zawahiri era ricercato rispettivamente dagli Stati Uniti e dalle Nazioni Unite per il suo ruolo negli attentati alle ambasciate statunitensi del 1998 in Kenya e Tanzania e negli attentati di Bali del 2002. Ha fuso la Jihad islamica egiziana con al-Qaeda nel 2001 ed è diventato formalmente vice di bin Laden nel 2004. È succeduto a bin Laden come leader di al-Qaeda dopo la morte di bin Laden nel 2011. Nel maggio 2011, gli Stati Uniti hanno annunciato una taglia di 25 milioni di dollari per informazioni portando alla sua cattura. Il 31 luglio 2022, al-Zawahiri è stato ucciso in un attacco di droni statunitensi in Afghanistan.

Vita personale

Vita in anticipo

Ayman al-Zawahiri è nato il 19 giugno 1951, a Giza, nell'allora Regno d'Egitto, da Mohammed Rabie al-Zawahiri e Umayma Azzam. Il New York Times nel 2001 descrisse al-Zawahiri come proveniente da "una famiglia benestante e prestigiosa questo gli conferisce un pedigree saldamente radicato sia nella religione che nella politica". I genitori di Al-Zawahiri provenivano entrambi da famiglie benestanti. Il padre di Al-Zawahiri, Mohammed Rabie al-Zawahiri, proveniva da una grande famiglia di medici e studiosi di Kafr Ash Sheikh Dhawahri, Sharqia, in cui uno dei suoi nonni era lo sceicco Muhammad al-Ahmadi al-Zawahiri (1887–1944) che era il 34° Grande Imam di al-Azhar. Mohammed Rabie divenne chirurgo e professore di farmacia all'Università del Cairo. La madre di Ayman Al-Zawahiri, Umayma Azzam, proveniva da un clan ricco e politicamente attivo, figlia di Abdel-Wahhab Azzam, uno studioso di lettere che ha servito come presidente dell'Università del Cairo, fondatore e rettore inaugurale della King Saud University (la prima università in Arabia Saudita) nonché ambasciatore in Pakistan, mentre suo fratello era Azzam Pasha, segretario generale fondatore della Lega Araba (1945-1952). Per parte materna un altro parente era Salem Azzam, intellettuale e attivista islamista, per un tempo segretario generale del Consiglio islamico d'Europa con sede a Londra. La ricca e prestigiosa famiglia è anche legata alla tribù degli Harbi del Mar Rosso a Zawahir, una cittadina dell'Arabia Saudita, situata nel Badr. Ha anche un legame materno con la casa di Saud: Muna, figlia di Azzam Pasha (suo prozio materno), è sposata con Mohammed bin Faisal Al Saud, figlio del defunto re Faisal. Ayman Al-Zawahiri ha detto che ha un profondo affetto per sua madre. Suo fratello, Mahfouz Azzam, è diventato un modello per lui da adolescente. Ha un fratello minore, Muhammad al-Zawahiri, e una sorella gemella, Heba Mohamed al-Zawahiri. Heba divenne professore di oncologia medica presso il National Cancer Institute, Università del Cairo. Ha descritto suo fratello come "silenzioso e timido". Muhammad è stato condannato con l'accusa di aver subito un addestramento militare in Albania nel 1998. È stato arrestato negli Emirati Arabi Uniti nel 1999 e condannato a morte nel 1999 dopo essere stato estradato in Egitto. È stato trattenuto nella prigione di Tora al Cairo come detenuto politico. Funzionari della sicurezza hanno affermato che era il capo del Comitato d'azione speciale della Jihad islamica, che ha organizzato operazioni terroristiche. Dopo la rivolta popolare egiziana nella primavera del 2011, il 17 marzo 2011, è stato rilasciato dal carcere dal th