1945

Article

August 18, 2022

Il 1945 (MCMXLV) era un anno comune che iniziava il lunedì del calendario gregoriano, il 1945° anno delle designazioni di Era Volgare (CE) e Anno Domini (AD), il 945° anno del 2° millennio, il 45° anno del 20° secolo, e il sesto anno del decennio degli anni '40. Il 1945 segnò la fine della seconda guerra mondiale e la caduta della Germania nazista e dell'Impero del Giappone. È anche l'unico anno in cui le armi nucleari sono state utilizzate in combattimento.

Eventi

Di seguito, gli eventi della seconda guerra mondiale hanno il prefisso "seconda guerra mondiale".

Gennaio

1 gennaio - Seconda guerra mondiale: La Germania inizia l'Operazione Bodenplatte, un tentativo della Luftwaffe di paralizzare le forze aeree alleate nei Paesi Bassi. Massacro di Chenogne: i prigionieri tedeschi sarebbero stati uccisi dalle forze americane vicino al villaggio di Chenogne, in Belgio. 6 gennaio - Seconda guerra mondiale: un'offensiva tedesca riconquista Esztergom, in Ungheria, dai russi. 12 gennaio - Seconda guerra mondiale: l'Unione Sovietica inizia l'offensiva Vistola-Oder nell'Europa orientale, contro l'esercito tedesco. 13 gennaio - Seconda guerra mondiale: l'Unione Sovietica inizia l'offensiva della Prussia orientale, per eliminare le forze tedesche nella Prussia orientale. 16 gennaio - Seconda guerra mondiale: Adolf Hitler si stabilisce nel Führerbunker di Berlino. 17 gennaio Seconda guerra mondiale: l'Unione Sovietica occupa Varsavia, Polonia. L'Olocausto: il diplomatico svedese Raoul Wallenberg, che ha salvato migliaia di ebrei, viene arrestato da una pattuglia sovietica durante l'assedio di Budapest e non viene mai più visto pubblicamente. 18 gennaio - L'Olocausto: le SS iniziano l'evacuazione del campo di concentramento di Auschwitz. Quasi 60.000 prigionieri, per lo più ebrei, sono costretti a marciare verso altre località della Germania; ben 15.000 muoiono. I 7.000 troppo malati per trasferirsi vengono lasciati senza che le forniture vengano distribuite. 19 gennaio - L'Olocausto: le forze sovietiche liberano il ghetto di Łódź; solo 877 ebrei della popolazione iniziale di 164.000 rimangono in questo momento. 20 gennaio Franklin D. Roosevelt ha prestato giuramento per un quarto mandato come presidente degli Stati Uniti, l'unico presidente ad aver mai superato i due mandati. La Germania inizia l'evacuazione della Prussia orientale. 21–22 gennaio (notte) - Alla stazione ferroviaria di Grünhagen, situata nella Prussia orientale in questa data, due treni diretti a Elbing si scontrano. All'alba la stazione viene raggiunta dalla fanteria e dai carri armati dell'esercito sovietico che distruggono la stazione, uccidendo tra le 140 e le 150 persone. 23 gennaio - Seconda guerra mondiale: L'Ungheria accetta un armistizio con gli Alleati. Il Grandammiraglio tedesco Karl Dönitz ordina l'inizio dell'operazione Hannibal, l'evacuazione di massa via mare di truppe e civili tedeschi dalla Courland Pocket, dalla Prussia orientale e dal corridoio polacco, evacuando circa 800.000-900.000 civili tedeschi e 350.000 soldati dall'avanzata delle forze sovietiche. Evacuazione dei tedeschi da Grünhagen. 24 gennaio - Seconda guerra mondiale: il corrispondente di guerra dell'AP Joseph Morton, nove uomini dell'OSS e quattro agenti della SOE vengono giustiziati dai tedeschi nel campo di concentramento di Mauthausen sotto l'ordine del commando di Hitler del 1942, che prevede l'esecuzione immediata di tutti i commando o sabotatori alleati catturati senza processo, anche quelli in divisa adeguata. Morton è l'unico corrispondente alleato ad essere giustiziato dall'Asse durante la guerra. 26 gennaio - Seconda guerra mondiale: il 19enne sergente dell'esercito americano Audie Murphy assiste all'azione a Holtzwihr, in Francia, per il quale riceve la medaglia d'onore. 27 gennaio - L'Olocausto: l'Armata Rossa sovietica libera i campi di concentramento di Auschwitz e Birkenau. 30 gennaio - Seconda guerra mondiale: La MV Wilhelm Gustloff, con oltre 10.000 tedeschi principalmente civili di Gotenhafen (Gdynia) viene affondata nella baia di Danzica da tre siluri del sottomarino sovietico S-13 nel Mar Baltico; si pensa che siano morte fino a 9.400, di cui 5.000 bambini, la più grande perdita di vite umane in una singola nave che affonda nella storia. Raid a Cabanatuan: 121 soldati americani e 800 guerriglieri filippini liberano 813 prigionieri di guerra americani dal campo tenuto dai giapponesi nella città di Cabanatuan, nelle Filippine. Adolf Hitler fa il suo ultimo discorso pubblico, alla radio, esprimendo la convinzione che la Germania lo farà